La percezione del corpo: ostacolo o strumento cognitivo?